venerdì 17 aprile 2015

Nostalgia amara



Verdi ricordi
squarciati
con animo cupo
di terra ferita,
nuovi ricordi
scarni e opachi
ricoprenti
l'antica bellezza.
Avanziamo
verso la rovina;
avanziamo
per carta straccia
rubata dagli alberi
a cui diamo valore
in ogni momento;
avanziamo
chiamandolo progresso.

8 commenti:

  1. Questa poesia è molto nel mio spirito... brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì... Soprattutto se scavano a 50/100 metri dalla propria casa. :)
      Grazie mille, sono felice di trovare affinità su questo punto! :)

      Elimina
  2. Capisco a cosa ti riferisci... *sospiro*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo ai nipotini più piccoli che non avranno mai gli stessi bei ricordi di "campagna, verde e libertà" che ho avuto io. E la poesia si è scritta da sola. ^_^ Ma oramai si può solo aspettare!

      Elimina
  3. Sono cresciuta nel verde e vivo in città... ti capisco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo non ci riuscirei mai, nemmeno per lavoro... Ma l'uomo è un essere adattabile!

      Elimina
  4. Ciao Maria, sono arrivata alla tua poesia tramite l'iniziativa di Romina La blogosfera condivide. Condivido il tuo pensiero e l'hai rappresentato con efficacia, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Malù, grazie mille per essere passata e per le belle parole. :)

      Elimina